itinerario della pista ciclabile delle Dolomiti

Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”.
Leggi l'informativa estesa per informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.


 

 

L'itinerario

 

Descrizione dell'itinerario

La “Lunga Via delle Dolomiti” inizia alla cittadina della Val Pusteria, attraversa il Passo di Cimabanche (al confine fra Veneto e Alto Adige), prosegue per Cortina d’Ampezzo, percorre il Cadore e termina a Calalzo di Cadore, dopo circa 60 Km.

Attraversa i Comuni di Dobbiaco, Cortina d’Ampezzo e quelli Cadorini di San Vito, Borca, Vodo, Valle, Pieve e Calalzo.

Corre in parte lungo la sede dell’ex Ferrovia delle Dolomiti, Calalzo-Dobbiaco. Lungo la pista si può ancora ammirare le antiche stazioni dalla caratteristica architettura alpina e utilizzare le gallerie e gli arditi ponti.

L’itinerario interseca l’antica Strada d’Alemagna, la Via dei pellegrini che scendevano dal Nord Europa per raggiungere Roma o Gerusalemme.

Si attraversano boschi e prati, i Parchi di Fanes Sennes Braies, delle Dolomiti di Sesto, delle Dolomiti d’Ampezzo, si ammirano le cime delle Montagne più belle del mondo ora sotto tutela dell’UNESCO. Alcuni dei loro nomi: la Croda dei Baranci, le tre Cime di Lavaredo, la Croda Rossa, l’Antelao, il Pomagagnon, il Cristallo, il Sorapiss, il Pelmo, le Marmarole e infine il monte Rite, sede del “Messner Mountain Museum”, dalla cui sommità si gode la visione di oltre metà del tracciato della pista.

Non solo montagne ma anche arte e cultura che possiamo incontrare visitando, ad esempio, a Pieve di Cadore il Museo dell’Occhiale, a Cortina la collezione d’arte moderna Mario Rimoldi - una delle più importanti del ‘900, che da sola vale un viaggio - oppure nei pressi di Dobbiaco il Museo del musicista Gustav Mahler.

La pista attraversa la terra, dove nacque e trasse ispirazione per i suoi celebri colori Tiziano Vecellio, il numero uno dei pittori rinascimentali.
 

 

 

 
visita le nostre pagine dedicate a

 

 

 

torna all'home page di Dolomiti in Bici